Gotham: Una nuova easter egg per Batman!

0

Sotto forma di immagine informativa appartenente al quotidiano fittizzo Gotham Chronicle, è stato diffuso sulla pagina Facebook della serie Gotham un’interessante riferimento ad un oggetto chiave dell’Universo DC Comics e della città di Gotham difesa dal Cavaliere Oscuro Batman.

Stiamo parlando del proiettore luminoso che, dopo un’opportuna modifica, verrà stato trasformato nel Bat-Segnale, lo strumento con cui Jim Gordon avvisa Batman che c’è bisogno d’aiuto nella lotta al crimine. Il quotidiano infatti annuncia l’installazione di tale strumento sul tetto del commissariato di polizia della città.

gothamproiettore

Questo riferimento, più una easter egg che un vero e proprio elemento di storyline, è un omaggio che i produttori di Gotham hanno voluto fare ai fan dell’Uomo Pipistrello, ed è probabile che non sarà il solo.

Proprio come per i tanti villain che faranno parte della serie, in Gotham ci sarà spazio anche per numerosi richiami a Batman, il futuro alter ego del piccolo Bruce Wayne (David Mazouz), multimiliardario destinato a diventare il vigilante mascheratotemuto dall’intera feccia criminale di Gotham City.

Nel cast della serie Gotham troviamo Ben McKenzie, David Mazouz, Sean Pertwee, Donald Logue, Jada Pinkett Smith, Robin Taylor, Erin Richards, Zabryna Guevara, Camren Bicondova, Cory Michael Smith, Victoria Cartagena, Andrew Stewart Jones, John Doman, David Zayas e Clare Foley.

Tutti conoscono il nome del Commissario Gordon. È uno dei più grandi nemici del mondo criminale, un uomo la cui reputazione è sinonimo di legge e ordine. Ma cosa si sa della storia di Gordon e della sua ascesa da giovane detective a Commissario di polizia? Come è riuscito a smantellare diversi strati della corruzione che segretamente governava Gotham City, luogo che ha dato i natali ai criminali più iconici del mondo? E quali circostanze hanno creato questi personaggi esagerati che sarebbero diventati Catwoman, il Pinguino, l’Enigmista, Due Facce e il Joker?


Condividi.

Leave A Reply