MOVIESBOOK INCONTRA… Stefano Perullo – Premi Micheluzzi 2018

0

Nuovamente in campo con Moviesbook Incontra… per parlare di fumetti, cinema e televisione. Oggi con noi c’è Stefano Perullo, giornalista, libraio e membro del Comitato di Selezione 2018 dei Premi Micheluzzi che verranno consegnati questa domenica alla ventesima edizione del Napoli Comicon.

Ciao a tutti e grazie a te di avermi chiesto di essere tuo ospite in questo prestigioso salottino virtuale. Mi chiamo Stefano Perullo, di professione libraio, e sono il fondatore e titolare della libreria specializzata Comix Factory con sede a Caserta, oltre che curatore dell’omonimo blog di informazione. La professione di libraio ha origini molto lontane e affonda le sue radici nella mia passione per il fumetto, iniziata prima ancora che imparassi a leggere. Prima di diventare una professione, parlare di fumetti, e soprattutto di quelli statunitensi, ha rappresentato uno sfogo. Ho scritto e collaborato con alcuni dei più importanti siti di fumetto italiano da Amazing Comics a Comicus, senza tralasciare Lo Spazio Bianco, e con alcune riviste di settore come Fumo di China (qui l’intervista al suo direttore Loris Cantarelli) e Scuola di Fumetto. Per alcuni anni sono stato il direttore editoriale di Mega e dal 2008 faccio parte del comitato selezionatore dei premi Micheluzzi assegnati da Napoli Comicon.

▬Cosa ne pensi del fenomeno dei cinecomics e del loro impatto sull’industria cinetelevisiva e editoriale?

Da grande appassionato di comics vivo l’avvento dei cinecomics con un equilibrio schizofrenico tipico del Dottor Jekyll e Mister Hide. Da un lato sono agghiacciato dall’effetto distruttivo che la nascita dei cinecomics ha prodotto sull’industria del fumetto che, dal ruolo di locomotiva che portava con sé a rimorchio il cinema, è stata ridotta, anche agli occhi dei lettori, a scimmiottare formule e idee proposte sul grande schermo, oltre che a subire una incredibile, e a quanto pare inarrestabile, emorragia di lettori. Dall’altra parte, da buon fan boy, sono molto divertito dall’ assistere alle versioni in carne e ossa, e tanti effetti digitali, degli eroi di cui sono abituato a leggere le avventure. In particolare sono molto affascinato dalla scommessa tentata, e vinta, dalla Marvel di proporre il suo universo narrativo, con tanto di continuity e mega-eventi, sul grande schermo.

▬Tra i candidati al Micheluzzi quale titolo reputi più incline ad essere adattato sullo schermo?

Ben consapevole che si tratta di un’utopia, sarebbe molto bello poter assistere a un tv show in grado di portare sul piccolo schermo le vulcaniche idee che Alessandro Bilotta ha espresso sul suo Mercurio Loi.

▬Qual è il tuo adattamento (film o serie tv) preferito?

Premesso che sono di bocca buona, che sono ben consapevole che i film tratti dai comics sono destinati al puro intrattenimento, che dunque non vanno affatto giudicati in base al rispetto del prodotto originale, e che raggiungono il loro scopo quando ci regalano un paio d’ore senza pensieri, ti cito due titoli, un film e una serie TV: Captain America Winter Soldier, un gran film d’azione, e Legion, show televisivo in cui spicca il genio visionario di Noah Hawley che ha fagocitato e fatto sue le magnifiche storie dei New Mutants di Chris Claremont e Bill Sienkiewicz.

▬Qual è invece secondo te il peggiore mai realizzato?

Se ne potrebbero citare tanti, da Catwoman con Halle Berry a Elektra con Jennifer Garner, ma restando nel campo delle citazioni fumettistiche, diciamo che se è vero che più sono grossi più fanno rumore quando cadono, ho trovato molto, ma veramente molto, deludente il terzo capitolo della trilogia del cavaliere oscuro di Nolan (Il Cavaliere Oscuro – Il Ritorno, 2012).

▬Tra le tante proposte dei prossimi anni, qual è il progetto verso cui nutri il maggiore interesse?

Se dovesse andare davvero in porto, ma temo che la paventata acquisizione della Fox da parte di Disney possa far saltare i progetti, l’annunciato film scritto e diretto da Noah Hawley con protagonista il Dottor Destino è il progetto che più attendo.

▬Se potessi proporre ad uno studio l’adattamento di un fumetto, quale sceglieresti?

Ce n’è ancora qualcuno che non è all’analisi di uno studio? Diciamo che spingerei per convincere Steven Spielberg e la Dreamworks per regalarci un secondo capitolo del suo strepitoso Tintin (Le Avventure di Tintin – Il segreto dell’Unicorno, 2011).

Un grazie a Stefano Perullo e un invito a tutti voi ad essere presenti al Napoli Comicon per i Premi Micheluzzi!

  • Captain America – The Winter Soldier di Anthony e Joe Russo – Acquista
  • Legion – Stagione 1 di Noah Hawley – Acquista
  • Mercurio Loi di Alessandro Bilotta e Andrea Mosca – Acquista
  • Le Avventure di Tin Tin – Il segreto dell’Unicorno  di Steven Spielberg – Acquista

Condividi.

Leave A Reply