Nomad: i Marvel Studios preparano un nuovo progetto?

0

Grazie al Disney Investor Day 2020 tenutosi la scorsa settimana abbiamo scoperto tante novità riguardo i prossimi progetti Marvel, ma il web sembra non averne mai abbastanza ed ecco spuntare nuovi rumors su un progetto top-secret: Nomad.

Secondo il sito Murphy’s Multiverse i Marvel Studios avrebbero infatti depositato il marchio Nomad, indicandolo come titolo per un futuro progetto destinato a Disney+.

Nei fumetti Marvel quella di Nomad è l’identità che Steve Rogers assunse a partire da Captain America and the Falcon #180, quando il paladino degli USA scoprì di non potersi più fidare del governo. Una situazione simile a quanto visto sul grande schermo in seguito agli eventi di Captain America: Civil War.

Sembrerebbe però che quel look più tenebroso, con barba e senza scudo tricolore, sia stata soltanto una fase per lo Steve Rogers cinematografico, e che il vero Nomad debba ancora debuttare nell’universo MCU. In questo caso vengono in soccorso le tante altre figure che nel corso degli anni hanno adottato quell’identità sulle pagine a fumetti.

nomad

C’è stato Edward Ferbel, uno stuntman di Los Angeles doppiogiochista che lavorava per il Teschio Rosso, o  il più famoso Jack Monroe, un simpatizzante nazista statunitense che, in seguito ad un esperimento che minò la sua sanità mentale, ottenne dei poteri simili a quelli del super-soldato. Salvato poi da Captain America e Falcon, Jack iniziò una nuova vita, operando come vigilante, adottando il ruolo di Nomad e arrivando persino a lavorare anche con il gruppo dei Thunderbolts.

Ma ce ne sono ancora tanti altri: come il più recente Ian Zola, figlio adottivo di Steve Rogers conosciuto nella Dimensione Z, o Rebecca Barnes, nipote di Bucky Barnes proveniente da una realtà alternativa.

Insomma, Nomad potrebbe presto debuttare nel MCU e, stando agli attuali piani della Marvel, non mi meraviglierei se indizi su questo personaggio possano arrivare già dalla prossima serie televisiva Falcon and The Winter Soldier.

 


Condividi.

Comments are closed.